Riti e Tradizioni

I Pescatori

on

 

 

Castro è da sempre luogo di pescatori; lo era già quando non disponeva di un porto sicuro ma solo di un improbabile approdo.

Ai primi del Novecento era nido di pescatori per necessità e per vocazione: perché non vi erano terreni da coltivare e per innata indole errabonda di molti suoi abitanti.La vita,allora, aveva le sue stagioni ben determinate e quegli uomini conoscevano la fatica ed ogni sorta di privazione;vivevano nella speranza di un cospicuo bottino e nella perenne incertezza del domani. Alcuni di loro avevano conosciuti altri mondi,altre tradizioni e altro tenore di vita,durante il servizio militare per i più anziani con la prima guerra mondiale e per i più giovani con la campagna d’Africa; avevano poi ripreso con ostinata rassegnazione ed anche con una certa caparbia passione per il loro posto al remo o al timone.

Ora sono lontani i tempi in cui i pescatori erano al porto,le mogli rabbocciavano le reti “Alli Spanituri”e i bambini giocavano imitando il mestiere dei padri;la sera si tornava tutti a casa e si chiudevano le porte;gli uomini uscivano a pesca.

I maschi che avevano girato il mondo per aver fatto il militare dicevano di paesi lontani, raccontavano delle atrocità della guerra,di esemplari slanci di eroismo; di viltà e di paure.I bambini crescevano assistendo a queste scene e ascoltando questi discorsi;sentivano scorrere nelle loro vene acqua di mare più che sangue.Cosi si rinnovavano i pescatori con la bestemmia sempre pronta.I ragazzi erano lì anche durante le giornate di brutto tempo ,in inverno ,quando i pescatori si ritrovavano al dopolavoro,alla”puteca”,a giocare a carte e bere vino fino a ubriacarsi.Spesso finiva a cazzotti per una battuta non compresa o per un’ altra qualsiasi sciocchezza.E non avevano paura, i ragazzi ,neppure in mezzo agli spuntoni e alle grida delle donne che accorrevano a mettere pace.Scolavano di nascosto i bicchieri quasi vuoti e si nascondevano in un angolino o sotto i tavoli:da grandi avrebbero fatto loro a cazzotti,perché loro sarebbero stati i pescatori.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *