Eventi

L’ ”INCANTESIMO SALENTINO” COLPISCE ANCORA: ALLA SCOPERTA DI UN SALENTO INEDITO CON ANTONIO DI MUZIO

By

on

L’”INCANTESIMO SALENTINO” COLPISCE ANCORA: ALLA SCOPERTA DI UN SALENTO INEDITO CON ANTONIO DI MUZIO

 

Non c’è salentino che non ami la propria terra: nessuno che sia cresciuto o abbia vissuto a Lecce o in provincia può dichiararsi salvo dalla malia di questa terra che incanta e stordisce. Un incantesimo, questo, che coinvolge i sensi ed inebria con sapori, profumi e suoni celestiali.

Ma quanti di noi possono davvero dire di conoscere il Salento? Quanti, ad esempio, conoscono la leggenda di Cesarea, che dà il nome alla splendida località termale? E quanti conoscono le origini, i retroscena e le teorie sulla nota taranta tanto in voga negli ultimi anni? E che dire, poi, delle vicissitudini storiche, letterarie e mitologiche della nostra Castro? E’ proprio da qui, da Castro, che comincia il viaggio del giornalista abruzzese Davide Tommasi, co-protagonista – insieme alla nostra terra – di “Incantesimo salentino” il libro che presenteremo sabato 14 luglio insieme all’autore, Antonio Di Muzio.

Un viaggio sorprendente, alla scoperta di un Salento magico: portati dalla calda brezza del Sud, sotto un sole abbacinante, ci muoveremo sospesi tra leggenda e presente, tra sensualità e mistero, tra illusione ed intuizione, senza mai esser certi di cosa sia sogno e cosa sia realtà.

L’appuntamento – imperdibile per salentini e non – è sabato, 14 luglio, ore 19:00 presso il cortile dell’Episcopio, in Piazza Vittoria a Castro città. Vi aspettiamo numerosi per riscoprire insieme, ancora e ancora, la vera anima del Salento.

 

Antonio Di Muzio, (L’Aquila, 1964), sposato con la leccese Elisabetta “Desirée” Bezzi, vive e lavora a Pescara. Giornalista del quotidiano “Il Messaggero”

dal 1986, si laurea in Storia delle Arti e dello Spettacolo presso l’Università degli studi dell’Aquila. Nel 1995 la Provincia dell’Aquila gli attribuisce

il riconoscimento come “Giornalista più vicino ai temi della cultura”.

Nel 2002 è tra i fondatori – con l’Università dell’Aquila, il Cgs Arcobaleno e l’associazione Il Brucaliffo – della “Casa del teatro”, laboratorio di ricerca

teatrale.

Dal 2003 al 2009 ha collaborato con la cattedra di Studi teatrali dell’Università dell’Aquila, partecipando all’organizzazione degli eventi teatrali e

cinematografici curati dal professor Ferdinando Taviani e dalla professoressa Mirella Schino.

Tra le sue pubblicazioni: Crederci piano piano… – Il quinto scudetto dell’Aquila Rugby, (con Roberto Grillo, Paolo Pacitti, Roberto Castri), L’Aquila,

Gte Edizioni, 1994; Dario Argento – Autore Cahiers, (a cura di Gabrielle Lucantonio), L’Aquila, Ed. Textus, 1999; Teatro come terra degli incontri (autore

del dialogo introduttivo), Scilla, Università degli studi dell’Aquila, 2003; Il teatro all’Aquila e in Abruzzo – Tsa, cronaca e storia, Teramo, Ricerche&Redazioni,

  1. Incantesimo Salentino, Teramo, Ricerche&Redazioni, 2017, è il romanzo d’esordio.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *